Pubblicato il: 30-04-2020

Sbarazzarsi dei miti dei cibi surgelati

Le famiglie si trovano ad affrontare nuove sfide quando si tratta di fare la spesa, pur aderendo al mandato del governo #StayAtHome a causa della pandemia COVID-19. Secondo recenti rilevazioni, le vendite di surgelati sono aumentate del 78,8% rispetto a un anno fa, dato che molte famiglie si stanno orientando verso la disponibilità e la convenienza dei surgelati. Ciò è anche dovuto al recente accumulo di scorte da parte dei consumatori indotto da COVID-19. 
Dato che molti vogliono ancora dare la priorità al cibo sano e nutriente delle loro famiglie, in particolare in questi tempi, è emersa la questione se i cibi surgelati siano tanto nutrienti quanto le loro alternative "fresche". La risposta è che entrambi sono sani e saper leggere i dati nutrizionali è uno dei modi migliori per garantire la preparazione di pasti sani per la propria famiglia.
I dati nutrizionali sulle confezioni consentono di confrontare i diversi prodotti per selezionare gli alimenti nutrienti. Potete prendere in considerazione fattori come le calorie, i grassi, le proteine e il contenuto di zucchero in tutte le marche, il che vi aiuta a fare scelte più intelligenti. Capire l'etichetta di un alimento può essere difficile; tuttavia, fare una piccola ricerca sui termini di un'etichetta alimentare può aiutarvi a sapere a cosa fare attenzione.

 

Ecco alcuni falsi miti e verità sui cibi surgelati:

1.      Mito: Fresco è meglio che surgelato. Questo è un pregiudizio comune. Ciò di cui la gente non si rende conto è che i cibi surgelati, come frutta e verdura, possono in realtà avere un valore nutrizionale maggiore rispetto al cibo fresco. Questi alimenti sono di solito raccolti al culmine della maturazione, e poi lavorati molto rapidamente dopo il raccolto, il che preserva le sostanze nutritive.  I prodotti freschi possono avere una durata di vita più breve a causa del tempo necessario per il confezionamento e la spedizione degli alimenti, per non parlare del tempo che passano al supermercato.  L'esposizione all'aria, alla luce e all'acqua del supermercato può anche esaurire i prodotti freschi di alcune vitamine.

2.      Mito: Tutti i cibi surgelati sono ad alto contenuto di sodio. Sempre più produttori di alimenti stanno lavorando per ridurre la quantità di sodio per soddisfare le esigenze dei consumatori attenti alla salute. Secondo l'American Heart Association, 9 americani su 10 consumano troppo sodio e raccomandano non più di 2300 milligrammi (mg) al giorno. Assicuratevi di leggere l'etichetta prima di effettuare la scelta dei cibi, in particolare per i pasti surgelati e gli antipasti.  Quando acquistate verdure surgelate, optate per quelle senza sale aggiunto o salse salate.

Mangiare sano con i cibi surgelati

 

3.      Mito: Tutti i cibi surgelati sono sottoposti a un'elevata lavorazione. Questo poteva essere vero anni fa, ma man mano che i consumatori diventano più sensibili al tema della nutrizione, i produttori di alimenti diventano sempre più attenti alle esigenze dei consumatori e offrono un maggior numero di cibi poco elaborati e vicini al loro stato naturale. Al giorno d'oggi è più facile, ad esempio, trovare pasti surgelati che contengono verdure e cereali integrali. Anche in questo caso, leggere e comprendere le etichette degli alimenti vi aiuterà a fare la scelta giusta per voi e la vostra famiglia.

4.      Mito: Congelare i vostri cibi surgelati è sbagliato. Ammettiamolo. Per quanto cerchiamo di pianificare i nostri pasti, i nostri piani cambiano all'improvviso, il che significa che la carne che avete scongelato potrebbe dover essere rimessa nel congelatore. Finché scongelate la carne in frigorifero e non sul bancone - il che è un grosso problema - è accettabile riportarla in freezer. Scongelare i cibi a temperatura ambiente può permettere ai batteri di moltiplicarsi rapidamente e può portare a problemi alimentari.  Ma, ad essere onesti, va notato che il ricongelamento dei cibi può compromettere la consistenza e il sapore. Per ottenere i migliori risultati, provate a utilizzare le carni ricongelate in piatti che vengono cucinati con calore umido, come zuppe o stufati.

5.      Mito: i cibi surgelati scadono. Secondo FoodSafety.gov gli alimenti che vengono conservati continuamente a 0°F possono essere conservati a tempo indeterminato. Ma molti congelatori domestici non raggiungono temperature così basse, quindi un periodo di tempo più realistico per conservare i cibi surgelati è di 6-9 mesi.  Conservare gli alimenti in confezioni a tenuta d'aria o utilizzando un kit di sigillatura sottovuoto per rimuove l'aria dal sacchetto permette di conservare ottimalmente gli alimenti preservandone la qualità.

 

Per ulteriori informazioni nutrizionali visitare IAmHerbalifeNutrition.com

Informazioni sull'autore.
Susan Bowerman, MS, RD, CSSD, CSOWM, FAND - Sr. Direttore, Educazione nutrizionale in tutto il mondo, e la formazione
Susan Bowerman è il direttore senior di Worldwide Nutrition Education and Training presso Herbalife Nutrition ed è una delle principali autrici dei blog sponsorizzati dall'azienda, I Am Herbalife Nutrition e Discover Good Nutrition.
Bowerman è un dietologo registrato, possiede due certificazioni del consiglio di amministrazione dell'Accademia di Nutrizione e Dietetica come specialista certificato in dietetica sportiva e specialista certificato in gestione dell'obesità e del peso, ed è un Fellow dell'Accademia.

Bowerman ha conseguito una laurea in biologia con lode presso l'Università del Colorado e ha ricevuto il suo M.S. in scienze alimentari e nutrizione dalla Colorado State University. Ha poi completato la sua pratica dietetica presso l'Università del Kansas. Ha insegnato molto e ha sviluppato programmi educativi mirati a singoli, gruppi e industria nelle sue aree di competenza, tra cui la promozione della salute, la gestione del peso e la nutrizione sportiva.
Prima del suo ruolo presso Herbalife Nutrition, è stata vicedirettrice del Centro UCLA per la Nutrizione Umana e ha svolto incarichi come professore aggiunto di nutrizione presso la Pepperdine University e docente di nutrizione presso il Dipartimento di Scienza degli Alimenti e Nutrizione del Cal Poly San Luis Obispo.

Bowerman è stata consulente dei (allora) Los Angeles Raiders per sei stagioni ed è stato un editorialista per la sezione Los Angeles Times Health per due anni. È una co-autrice di 23 articoli di ricerca, 14 capitoli di libri, ed è stata co-autrice di due libri per il pubblico: "What Color is Your Diet?" e "The L.A. Shape Diet" del Dr. David Heber, pubblicato da HarperCollins rispettivamente nel 2001 e nel 2004.

Testimonianze della community VIVI AL TOP

News foglia


Per offrirti una migliore esperienza questo sito utilizza cookie tecnici ed a fini statistici e di marketing.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più e modificare le tue preferenze consulta la nostra cookie policy.

Modifica Chiudi e accetta